Charlie Hebdo, James Taylor: Incoraggiato dalla risposta della gente agli attentati

Roma, 12 gen. (LaPresse) - "Come cittadino del mondo sono profondamente allarmato dagli eventi di Parigi, però sono incoraggiato dalla risposta dei francesi e della comunità internazionale che ha parlato con una voce sola rispondendo con rinnovato impegno per la difesa dei valori a noi più importanti, come la libertà ed il diritto che sono fondamentali per le nostre democrazie. L'intenzione era di dividerci ed è stato bello vedere una risposta fatta di unità e di coraggio". Lo ha detto il musicista staunitense, James Taylor, commentando gli attentati avvenuti la scorsa settimana a Parigi.

Taylor, che nel corso della sua carriera è stato anche invitato a suonare a Ground Zero nel corsa della cerimonia per i 10 anni dall'attentato alle Torri Gemelle, ha parlato anche della presenza solamente del ministro della giustizia alla marcia in rappresentanza degli Usa. "Sono rimasto sorpreso - ha detto nella conferenza stampa di presentazione del suo tour italiano a Roma - mi aspettavo mandassero una delegazione più 'rispettabile'. Detto questo però preciso che sono solamente un musicista e non un esperto di politica internazionale".

L'artista si è espresso anche sull'escalation di violenza che negli ultimi mesi si è verificata negli Usa. "Non ho conoscenze sufficienti per analizzare il quadro - ha argomentato - certamente parte di questa violenza senza confini è data dal fatto che ci sono in giro così tante maledette armi e così facilmente disponibili. La loro proliferazione aumenta la possibilità che qualcuno abbastanza pazzo da usarle lo faccia. E' un problema che attanaglia da tempo gli Stati Uniti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata