Cannes, 'Pericle il nero' con Scamarcio in 'Un certain regard'
La pellicola diretta da Stefano Mordini è stata scelta per la sezione creata nel 1978

'Pericle il nero' è il film diretto da Stefano Mordini, selezionato per la competizione 'Un certain regard' del Festival del cinema di Cannes che correrà dall'11 al 22 maggio.

Tra i 18 titoli che compongono la sezione 'Un certain regard' si distingue 'Pericle il nero', un film diretto da Stefano Mordini, prodotto da Buena Onda di Riccardo Scamarcio, Valeria Golino e Viola Prestieri. E' lo stesso Scamarcio che interpreta il ruolo di protagonista, un camorrista al servizio del boss Don Luigi, a capo della malavita napoletana residente in Belgio. Il compito di Pericle, detto 'Il nero', è quello di pestare e punire chi non vuole cedere al clan. Un giorno durante una spedizione punitiva commette un errore. Scatta la sua condanna a morte. Pericle si dà alla macchia e fugge in Francia dove incontra una donna di cui si innamora. Con lei sente di avere un'altra possibilità di vita. Su di lui incombe il passato e quando scopre che il boss ha venduto la sua testa al clan nemico, decide di vendicarsi e torna a Bruxelles.

Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Giuseppe Ferrandino, pubblicato nel 1993 con lo pseudonimo Nicola Calata.Inizialmente la trasposizione sul grande schermo del libro di Ferrandino sarebbe dovuta essere ad opera del regista statunitense Abel Ferrara, che voleva affidare il ruolo del protagonista a Riccardo Scamarcio. In seguito, la produzione del film è passata nelle mani dell'attore. Scamarcio ha dunque prodotto la pellicola con la Buena Onda, congiuntamente con Rai Cinema, affidando la direzione del film a Stefano Mordini.

Il film è ora in corsa nella sezione 'Un certain regard' del concorso ufficiale del festival. La categoria è stata fondata da Gilles Jacop nel 1978 per riunire tre sezioni fuori concorso ('Les yeux fertiles', 'L'air du temps' e 'Le passé composé') e dal 1998 è assegnato al miglior film il premio 'Un certain regard'.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata