Il cast del film 'I morti non muoiono'
Il cast del film 'I morti non muoiono'
Cannes, 'I morti non muoiono' di Jarmusch: una commedia zombie per salvare il pianeta

Un'apertura del Festival tra oscurità, umorismo e messaggi ambientalisti

Ci sono gli zombie e i riferimenti tributo a un 'mostro sacro' come George Romero, ma non solo, nell'ultimo - applaudito - film di Jim Jarmusch 'The Dead Don't Die - I morti non muoiono'. La commedia horror-dark, in corsa per la Palma d'oro, ha aperto martedì sera la 72esima edizione del Festival di Cannes con il suo cast da urlo (Bill Murray, Iggy Pop, Selena Gomez, Tilda Swinton, Tom Waits e il rapper Rza) e il suo messaggio ambientalista. "Vedere il declino della natura è terrificante e mi preoccupa molto", ha rimarcato il regista indipendente americano, "la politica non mi interessa, mi interessa la consapevolezza delle persone. La politica è una forma di distruzione, è politica delle multinazionali. La questione è nelle nostre mani, chiunque di noi può scegliere di boicottare certe multinazionali". Ecco che allora gli zombie diventano metafore, che vanno anche al di là delle intenzioni di Jarmusch: "Ho letto cose sul film a cui non avevo pensato, quindi la metafora è ancora più forte".

Nel film i richiami a Romero sono numerosi, ma d'altra parte, racconta il regista, "'La notte dei morti viventi' è il primo horror che ho visto. Romeo ha cambiato l'idea degli zombie e dei mostri. Non sono mostri esterni, ma sono tra noi e sono insieme anche delle vittime". Lo splatter però lascia anche ampio spazio alla commedia, "ho cercato di bilanciare umorismo e oscurità, perché senza comicità è molto difficile vivere". L'horror è anche una delle passioni di Selena Gomez, alla sua prima volta a Cannes; "sono ossessionata", ha confessato. Nessuna paura dei mostri, ma piuttosto dei social, che "hanno un impatto terribile sulla mia generazione". Per Tilda Swinton quello con l'horror è un ritorno, dopo 'Suspiria' di Luca Guadagnino l'anno scorso, mentre Bill Murray, esperto di fantasmi più che di zombie dopo i vari 'Ghostbusters', è soprattutto la conferma del sodalizio artistico con Jarmusch. "Come mi ha convinto? Mi ha offerto molti soldi e regali, è un manipolatore", ha scherzato in conferenza stampa a Cannes, "credo nella vita dopo la morte, ma non per tutti, rivedrò solo qualcuno di voi".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata