Cannes, film 'Grace di Monaco' fa il pieno di critiche

Cannes (Francia), 15 mag. (LaPresse/AP) - Il film 'Grace di Monaco' è stato stroncato dalla critica. In anteprima mondiale ieri al festival di Cannes, è stato accolto con alcune delle peggiori recensioni mai avute per un film d'apertura della kermesse francese del cinema. La pellicola, che racconta la vita coniugale e la crisi d'identità della principessa Grace, interpretata da Nicole Kidman, è stata al centro delle polemiche ancor prima di essere vista.

Dopo che l'uscita del film negli Stati Uniti è stata rinviata due volte, si è aperto un conflitto tra il regista Olivier Dahan e la società di distribuzione, la Weistein Co, sul taglio da dare al finale del film. La versione del regista è quella che poi è stata proiettata ieri all'apertura del festival sulla Croisette e la Weistein pare abbia accettato di distruibuirla contro un taglio dei costi.

I figli della principessa Grace, Alberto, Carolina e Stephanie di Monaco, hanno definito la storia "imprecisa" nel ritrarre la propria defunta madre. Inoltre, in una nota dal Principato, i reali monegaschi hanno sottolineato che il film "non può in nessun modo essere classificato come un biopic". Anche "Il trailer - recitava la nota - sembra essere una farsa e conferma la natura totalmente fittizia di questo film".

La Kidman, di contro, si è detta entusiasta della parte. Fiera di aver interpretato il ruolo di una grande attrice, da lei molto ammirata, ha aggiunto che il rifiuto da parte di Stephanie di Monaco di vedere il film sui suoi genitori è "imbarazzante". L'attrice australiana, parlando in conferenza stampa, ha detto di sentirsi rattristata dal giudizio del Principato "perché il film non riversa astio verso la famiglia", però ha aggiunto anche di comprendere in parte la situazione, "perché si tratta della loro madre e del loro padre".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata