Blasi e Toffanin, letterine 16 anni dopo. E Ilary rivela perché non ha pianto all'addio di Totti
Dopo 16 anni le due amiche ballano ancora una volta a Verissimo lo stacchetto di Passaparola

Ospite della puntata di Verissimo, condotta dall'amica ed ex collega Silvia Toffanin, Ilary Blasi viene coinvolta in un simpatico siparietto. Le due, infatti, si sono conosciute quando vennero scelte come 'letterine' per Passaparola di Gerry Scotti. E così insieme al coreografo Brian Bullard sono tornate a interpretare il famoso stacchetto che ha avviato la loro carriera.

 

 

Poi Silvia Toffanin ha ripreso in mano la conduzione e chiesto all'amica di parlarle della nuova vita in famiglia, ora che il marito Francesco Totti ha smesso di giocare ed è diventato invece dirigente della Roma.

"Si è creato il suo spazio e abbiamo trovato la nostra dimensione: pensavo peggio!", ha detto Ilary Blasi. Silvia Toffanin le ha poi chiesto se è difficile stare vicino ad un uomo quando vive un cambiamento di vita così importante. "Più che altro per lui può essere difficile. Noi - ha spiegato la conduttrice del Grande Fratello Vip - che gli siamo vicini abbiamo cercato di dargli conforto, ma l’equilibrio doveva trovarlo lui”.

Poi ricordando il 28 maggio, data dell'ultima partita di Francesco Totti e del suo addio, Ilary confessa: “Francesco ha insistito perché facessi il giro dello stadio insieme a lui, anche se io avrei preferito lo facesse da solo, perché era il suo momento e io volevo godermelo con gli altri. E’ stato bello perché per la prima volta si è messo proprio a nudo. E’ stato un momento forte. È vero, non ho pianto, ma volevo essergli di sostegno, il suo punto fermo”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata