Al via "Live-Non è la d'Urso": Barbara 'pilastro' anche del prime time

Il nuovo programma punta sulla interattività con il pubblico da casa. Si parte mercoledì 13 marzo con i primi ospiti: Al Bano, Heather Parisi e Fabrizio Corona

Debutta mercoledì 13 marzo in prima serata su Canale 5 Live - Non è la d'Urso, la nuova trasmissione targata Videonews, condotta e ideata da Barbara d'Urso con il suo storico autore Ivan Roncalli. Prenderà il via con ospiti Al Bano, Heather Parisi e Fabrizio Corona.

L'obiettivo è quello di fare un "programma, un prodotto di parola" con uno share che si attesti al 12%. Ma l'ambizione è più grande: "Vogliamo che Barbara diventi un pilastro anche del prime time", ha assicurato il direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri. Gli ospiti, volti noti, racconteranno la propria storia e a giudicarli nel bene e nel male ci saranno sia il pubblico a casa, attraverso la app e il sito del programma, sia cinque persone in studio (conoscenti, amici, parenti che hanno a che fare col personaggio in questione) posizionati dentro altrettante sfere bianche e rosse. Si punta sulla interattività con il pubblico da casa. I telespettatori avranno un ruolo centrale, potranno esprimersi attraverso i social. E ci sarà anche uno 'scomodo' ascensore con dentro due persone 'con un conto in sospeso'.

Live - Non è la d'Urso "deve diventare qualcosa di importante nel tempo, in cui si fa un patto col pubblico, fidelizzando quello del mercoledì. Chi meglio di Barbara poteva farlo?". Alla d'Urso, il lavoro non manca e non mancherà di certo in futuro, dalle trasmissioni pomeridiane con le lunghe dirette, Pomeriggio 5, Domenica Live, al Grande Fratello. Fa talmente tante cose che per il suo nuovo programma è stato scelto ironicamente il titolo Live - Non è la d'Urso. Da poco archiviata l'esperienza della serie tv Dottoressa Giò, che ha visto tornare la conduttrice napoletana dopo 20 anni nei panni della ginecologa Giò Basile, la d'Urso nel promo del suo nuovo talk appare 'prezzemolina' nei programmi di Cologno Monzese. Barbara, instancabile donna della tv, non si è sottratta neanche alla sfida, non senza rischi, della prima serata. "Le abbiamo chiesto un ulteriore sforzo. - ha raccontato Scheri -. E lei, che è una grande professionista, ha accettato". La trasmissione andrà avanti sino a giugno.

"È stato un parto difficile, ci sono voluti mesi", ha detto la d'Urso che nella sua nuova creatura televisiva darà spazio ai temi a lei cari, come la lotta alla violenza sulle donne. Partenza in quarta per la prima puntata del 13 marzo con il tanto discusso Fabrizio Corona, oltre alla famiglia Carrisi con Al Bano, Loredana Lecciso e i rispettivi figli, Jasmine e Albano jr, Heather Parisi, in arrivo da Hong Kong, e Thomas Markle Junior, il fratello 'ripudiato' della principessa Meghan. L'ex re dei paparazzi "verrà a chiedere di farsi perdonare e a fare le sue scuse mediaticamente", ha specificato la conduttrice, riferendosi a un servizio fotografico pubblicato da Corona che riguardava il figlio della d'Urso. "Del resto - ha sottolineato il direttore generale dell'informazione Mediaset, Mauro Crippa - Fabrizio Corona è già stato ospite in questi mesi non solo all'Isola dei famosi, ma anche di Piero Chiambretti e Maurizio Costanzo. Ma "a Live - Non è la d'Urso - assicura Barbara - non si parlerà del caso Riccardo Fogli" scoppiato all'Isola la scorsa settimana, con un duro attacco dell'agente fotografico contro il cantante cui ha comunicato di avere le prove del tradimento della moglie. Polemiche a parte, il nuovo prime time con la d'Urso sta dentro una precisa rotta della rete ammiraglia Mediaset. Il direttore l'ha illustrata cifre alla mano: "Il nostro obiettivo è il 18% di share in prime time e lo abbiamo raggiunto, siamo in linea". Centrato anche l'obiettivo del day time "appena sotto il 18%". Il messaggio è chiaro: "Vogliamo diventare sempre più forti. Canale 5 è l'unica rete generalista che negli ultimi quattro anni è cresciuta. Grazie anche all'abnegazione di personaggi come Barbara d'Urso, che ci mettono la faccia ogni giorno".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata