Ashton Kutcher: Ero terrorizzato dal ruolo di Steve Jobs

Park City (Utah, Usa), 27 gen. (LaPresse/AP) - Recitare nei panni di Steve Jobs "è stata una delle cose che ho fatto nella vita che più mi ha terrorizzato". Ashton Kutcher, ospite del Sundance Film Festival a Park City, nello Utah, commenta così il ruolo da protagonista nella pellicola dedicata al fondatore di Apple, Steve Jobs. L'attore 34enne ha presentato l'anteprima del film nella giornata di chiusura del Festival e si è lasciato andare a commenti personali sulla figura dello stesso Jobs, che ha detto di considerare "un eroe". "Mi sono gettato in questa sfida - ha detto l'ex marito di Demi Moore - consapevole che avrei attirato enormi quantità di critiche, perché non tutti credevano che ce l'avrei fatta".

Qualche polemica l'ha creata il disclaimer che il regista ha voluto aggiungere al termine del film, con il quale spiegano che alcune parti della pellicola potrebbero non essere completamente conformi alla realtà. Eppure a guidare il lavoro di Kutcher è stato proprio il realismo. "Ho visto centinaia di ore di filmati - ha spiegato l'attore - ascoltato i suoi discorsi celebri e ho intervistato molti suoi amici". Tutto con l'obiettivo di prepararsi al meglio per il suo ruolo, anche se questa identificazione con Jobs gli ha creato qualche problema di salute. "Sono finito in ospedale due giorni prima di iniziare le riprese del film - ha detto il 34enne - ero piegato in due dal dolore e i medici hanno scoperto che i livelli del pancreas erano completamente sballati. E' stato terrificante". Steve Jobs, infatti, è morto proprio a causa di un cancro al pancreas.

Sulla figura del genio della Apple e sull'eredità che ha lasciato, Kutcher non ha dubbi: "Ammiro quest'uomo e quello che ha fatto. Ha creato uno strumento che usiamo tutti i giorni nella nostra vita e ci ha creduto quando nessun altro lo aveva fatto. Non so se ci sia mai stato un imprenditore che ha avuto più rispetto dei suoi clienti di Steve Jobs. Voleva metterci tra le mani qualcosa che si potesse usare facilmente, aveva a cuore proprio questo e ci è riuscito".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata