Artù fa rivivere Rino Gaetano: duetto immaginario su 'Ti voglio'
Molto di più di un semplice brano: "E' un sogno, che va oltre oltre la carriera"

Tutto è partito da una telefonata: "Dopo la mia esibizione del Primo maggio a Roma mi ha telefonato Anna Gaetano, mi ha chiesto di partecipare al Rino Gaetano Day il 2 giugno successivo". Così Artù, nome d'arte del cantautore romano Alessio Dari, racconta l'inizio della sua personale favola. Anzi, di "un sogno", che va "oltre ogni immaginazione e oltre la carriera, perché questa cosa mi rimarrà per sempre". Perché da quella chiamata e da quel concerto, Artù ha lavorato su qualcosa che la maggior parte dei cantautori italiani può solo desiderare. Anna, sorella di Rino, gli ha infatti chiesto se avesse voglia di terminare un brano inedito del fratello. "All'inizio mi sono messo paura - racconta - ho sentito tutta la responsabilità e per 3 o 4 giorni sono rimasto bloccato. Non riuscivo a scrivere niente, dovevo mettere il testo su due strofe incomplete e non ce la facevo. Poi mi sono sbloccato e ho iniziato a lavorare di stomaco". Così è nata 'Ti voglio', nella quale c'è anche la voce di Rino Gaetano come featuring, ma anche un'amicizia con Anna fatta di racconti e aneddoti su uno dei cantautori più amati d'Italia.

Il singolo è contenuto nel nuovo album di Artù, 'Vola Ale!', in uscita venerdì 25 maggio. "Il disco - racconta Artù - è stato scritto in un periodo della mia vita nel quale avevo perso ogni punto riferimento, trovavo difficile credere in un dio buono che ci salvasse. Ancora di più lo era pensare a una politica o un politico che lo potesse fare. Mi sono sentito perso, ma ho trovato la forza di volare verso un nuovo mondo dove sarà l'essere umano a salvare se stesso. Una sorta di responsabilizzazione della persona".

Dopo l'uscita dell'album prenderà il via un tour estivo, di cui non sono ancora state annunciate le date, ma Artù spiega che ne farà "il più possibile, da nord a sud. Mi piace stare a contatto con le persone".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata