Arte, a Torino in mostra l'utopia della bellezza dei Preraffaelliti

Torino, 19 apr. (LaPresse) - Apre oggi al pubblico 'Preraffaelliti. L'utopia della bellezza' a Palazzo Chiablese a Torino. Settanta capolavori della Confraternita dei Preraffaelliti dalla collezione della Tate resteranno a Torino fin al 13 luglio 2014, dopo un tour mondiale, prima di rientrare a Londra dove verranno custoditi in un'ala dedicata del museo e da cui non usciranno per anni.

L'esposizione, realizzata e curata da Alison Smith, capo curatore della sezione di arte inglese del XIX secolo presso la Tate Britain, insieme a Caroline Corbeau-Parsons (Assistente Curatore, Arte Inglese 1850-1915), presenta per la prima volta a Torino e in Italia alcuni capolavori indiscussi della Confraternita dei Preraffaelliti, summa pittorica dell'età vittoriana.

La voce italiana della mostra è Luca Beatrice che racconta, in un saggio a catalogo e nel video in mostra, l'influenza che la Confraternita dei Preraffaelliti ha avuto sulla cultura occidentale, tra gotico e dark, a partire dagli anni '80.

Precursori dello stile New Gothic che hanno trovato un punto di riferimento nell'eredità delle tematiche preraffaellite sono, ad esempio, i registi Tim Burton e Francis Ford Coppola con le loro poetiche visionarie, la moda dark interpreta da Alexandre McQueen, Karl Lagerfeld, John Galliano e Jean Paul Gaultier o, ancora, i gruppi del dark inglese come i Big Four, i Joy Division, i Bauhaus e, soprattutto, i Cure.

Nella mostra, allestita nello spazio mostre del Polo Reale, sono presenti vere icone del periodo come 'Ophelia' di John Everett Millais, 'L'amata (La sposa)' di Dante Gabriele Rossetti, 'Prendete Vostro figlio, Signore' di Ford Madox Brown e 'Sidonia von Bork 1560' di Edward Coley Burne-Jones: l'esposizione dà ragione di ogni aspetto tematico del movimento preraffaellita, articolandosi in 7 sezioni: La Storia, La Religione, Il Paesaggio, La vita moderna, La poesia, La Bellezza e Il Simbolismo.

La mostra a Palazzo Chiablese (Piazza san Giovanni 2, Torino) è visitabile il lunedì con orario 14.30-19.30; martedì, mmercoledì e domenica 9.30-19.30; giovedì, venerdì e sabato 9.30-22.30. Ingresso 13 euro, ridotto 11 euro. Info e prenotazioni: Tel. 011.0881178.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata