Angelica racconta 'Quando finisce la festa': "Un nuovo inizio"

Primo album da solista per l'ex leader dei Santa Margaret

'Quando finisce la festa' vuol dire tante cose: "la fine di una relazione, di un ciclo, della giovinezza". E per Angelica, ex leader dei Santa Margaret, non c'era frase più appropriata per intitolare il suo primo album da solista. "Mi ossessiona il concetto di fine perché combacia con l'inizio di qualcosa altro. E' un momento malinconico e triste, quando per le mani non hai nulla e devi cominciare qualcosa di nuovo. Bisogna fare tabula rasa e trovare l'aspetto positivo".

E in effetti, per lei, è proprio quel che sta succedendo. La fine dell'esperienza in gruppo e l'inizio della navigazione in solitaria, senza corazze: "La band in effetti è un po' un filtro, io sono molto insicura. Stare con loro era un modo per far passare le mie idee attraverso altre teste. Ora mi sono trovata a dover buttare fuori quello che viene dal cuore così come è, senza passaggi. E' molto interessante, ti fa scontrare contro la tua insicurezza". Un passaggio doveroso, spiega, quello alla carriera solista: "Ne avevo bisogno per poter crescere, e non solo nella musica. E' successo in maniera naturale, era una mia esigenza per poter dimostrare a me stessa di saper fare delle cose da sola".

E così ha fatto, con un album dalle sfumature retrò ma con i piedi ben piantati nell'attualità. Una "patina vintage" senza però perdere in "freschezza": in fondo, precisa, "è un disco del 2019". La stessa contemporaneità la si ritrova nei testi, semplici e efficaci ma allo stesso tempo ricercati. Un'ottima versione di quel cantautorato, che ora va di moda chiamare 'indie', ma tutto al femminile, a differenza della maggior parte di quel che va per la maggiore. "E' più difficile per una donna fare questo lavoro, ma succede lo stesso anche in altri mestieri. Per fidarsi di una donna e pensare che sia credibile ci vuole più tempo. Sono tante le motivazioni, anche culturali. Non so perché accada, ma ora sto a vedere cosa succederà con il mio disco".

Intanto, l'album Angelica lo presenterà dal vivo in un tour nei club, in partenza il 22 marzo da Montecchio Emilia prima di fare da opening act a Miles Kane, e non vede l'ora. Sarà una sorta di "jam session". Sul palco, oltre a lei, altri tre musicisti, ma tutti e quattro fra loro si scambieranno strumenti e vibrazioni, lasciando grande spazio all'improvvisazione.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata