Andrea Bocelli: Senza la vista capisci subito chi hai di fronte
Il cantante è completamente cieco dall'età di 12 anni

"La mancanza della vista non accentua solo gli altri sensi; te ne dona un sesto. Capisci subito chi hai di fronte". Lo dice, intervistato dal Corriere della Sera, Andrea Bocelli. "So benissimo come sono fatti i miei figli. Mi sono cresciuti tra le mani. Sono molto fisico - racconta il cantante - ho bisogno di contatto; e se loro non lo volevano, lo imponevo". Al quotidiano spiega l'evolversi della malattia che l'ha reso cieco. "Il glaucoma - dice Bocelli - si è manifestato fin da subito. A pochi mesi ho avuto una serie di interventi chirurgici, di cui non ho memoria. A sei anni sono andato in collegio, a Reggio Emilia, per imparare a leggere in braille. Mia nonna mi aveva già insegnato a scrivere normalmente. Fino a 12 anni vedevo ombre, contorni. Poi una pallonata in pieno viso mi ha reso del tutto cieco". Eppure, ribadisce, "non ho nostalgie. Ho un'idea precisa del mondo". "La cecità - racconta ancora Bocelli - non mi ha scosso più di tanto. Mi sono sempre sentito in debito con il mondo. Fortunato. Felice".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata