Ambra e Renga si dicono addio. L'amore finisce dopo 11 anni

Milano, 6 nov. (LaPresse) - Ambra Angiolini e Francesco Renga si dicono addio. Dopo 11 anni d'amore, e due figli, Jolanda e Leonardo, la coppia più conosciuta del mondo dello spettacolo si lascia. La conferma della rottura con il cantante arriva direttamente dall'attrice che ha parlato a cuore aperto sulle pagine del settimanale 'Io donna', in edicola domani: "È inspiegabile anche per me. Però sono piena di amore per Francesco: un sentimento gigantesco nei confronti di un uomo al quale non sono più costretta a piacere".

Una decisione che, racconta Ambra, è stata presa di comune accordo: "Lo abbiamo deciso insieme - ha detto - Non volevamo che tutto morisse senza che nemmeno ce ne accorgessimo, a forza di fingere che non stesse succedendo niente".

L'attrice, impegnata nelle prove dello spettacolo teatrale 'Tradimenti', tratto dall'omonima pièce di Harold Pinter, che debutterà al Teatro Eliseo di Roma l'1 dicembre, diretto da Michele Placido: ha poi confidato che rimarrà a Brescia, città natale di Renga, dove si era trasferita 11 anni fa: "Non so se è la mia casa, ma è giusto continuare qui perché le nostre incertezze non pesino sui bambini - ha spiegato -. In questo momento devono abitare dove sono cresciuti sinora. Non voglio essere rabbiosa né patetica, e vivo quello che sta succedendo come il più grande gesto d'amore che ci siamo regalati, forse il gesto più altruista che siamo stati in grado di fare dopo la nascita dei nostri figli. C'era una ferita sanguinante e io ho deciso di prendere la medicina per curarla. Magari un distacco può rimettere a posto gli equilibri".

E ancora: "Chi vive le vicende basandosi sui giornali, dall'esterno, sa già tutto mentre io non so niente - ha sottolineato Angiolini - ha già fatto il processo e deciso chi è il colpevole, ha già pianto e affidato i figli. In realtà, è assurdo scavare nell'impossibile da sapere, come fanno i giornali. Una cosa è certa: non mi sentirete mai recriminare con frasi tipo 'Per lui ho fatto qualsiasi cosa'".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata