Amanda Bynes: Non mi drogo, sono stata violentata da un poliziotto

New York (New York, Usa), 26 mag. (LaPresse/AP) - Il dipartimento della polizia di New York sta indagando sulle accuse rivolte dall'attrice Amanda Bynes che ha raccontato di essere stata violentata dagli ufficiali che l'hanno arrestata dopo che aveva lanciato uno strumento atto a fumare droga dalla sua finestra. Il portavoce del NYPD Paul Browne ha spiegato che l'ufficio affari interni sta esaminando le affermazioni della ragazza. La Bynes ha infatti scritto ieri su Twitter ai suoi fan di non credere a ciò che leggono, raccontando una versione diversa e alquanto bizzarra dei fatti. L'attrice ha spiegato che il giorno prima del suo arresto, un poliziotto l'avrebbe molestata sessualmente. Lo stesso poliziotto che, il giorno seguente, l'avrebbe accusata di aver lanciato un bong dalla sua finestra. Poco dopo, la Bynes ha aggiunto che i poliziotti hanno fatto irruzione nel suo appartamento proprio mentre lei stava chiamando le forze dell'ordine per denunciare la violenza subita il giorno prima. La polizia ora sta cercando di scoprire la realtà dei fatti, mentre Amanda dovrà comparire il prossimo 9 luglio davanti al tribunale di New York con le accuse di possesso di sostanza stupefacente, minacce e aggressione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata