Allison Mack arrestata per traffico sessuale: era Chloe in "Smallville"
La star 35enne avrebbe reclutato donne per una setta che costringeva poi le adepte a fare sesso con i guru

L'attrice Allison Mack è stata arrestata con l'accusa di traffico sessuale. Secondo i procuratori Usa, la star 35enne avrebbe reclutato donne per una setta che costringeva poi le adepte a fare sesso con i guru. L'arresto risale a venerdì e a riferirlo è il dipartimento Usa della Giustizia. L'attrice è nota per aver interpretato Chloe Sullivan nella popolare serie tv Smallville, durata 10 stagioni e incentrata sull'adolescenza di Superman in questa piccola cittadina del Kansas, dove veniva cresciuto da una famiglia di agricoltori.

Il procuratore federale di New York, Richard Donoghue, parla della setta come di un gruppo di tutoring per donne, che poi venivano "sfruttate, sia sessualmente che per il loro lavoro, a vantaggio degli imputati". Il leader era Keith Raniere, noto anche come 'Vanguard', già arrestato a marzo in Messico, sempre per traffico sessuale, ed estradato negli Stati Uniti. Molte delle donne erano state marchiate con un simbolo che conteneva le iniziali del leader.

Il gruppo era basato ad Albany, nello Stato di New York, ma aveva aperto diversi centri sia negli Usa, che in Messico, Canada e Sud America. Negli ultimi 20 anni "Raniere ha stabilito una serie di presunti programmi di auto-aiuto nell'ambito della sua organizzazione chiamata 'Nxivm', che si pronuncia 'NEX-i-um'", riferisce il ministero della Giustizia. In pratica, il gruppo organizzava dei corsi che sostenevano avrebbero aiutato le donne a superare le proprie debolezze. Corsi però molto cari: i partecipanti accettavano di pagare fino a 5mila dollari per sessioni di formazione di cinque giorni e, spesso, si ritrovavano indebitati al punto di dovere lavorare per Nxivm per ripagare i debiti. Non solo il costo previsto per i corsi era di migliaia di dollari per ogni partecipante, ma ognuno era incoraggiato a pagare per lezioni aggiuntive e per reclutare altri, in modo da potere risalire nei ranghi del gruppo stesso.

Allison Mack, in particolare, è accusata di avere co-creato un programma di 'Nxivm' che prevedeva il reclutamento di attori. "Come spiegato in dettaglio in documenti del tribunale del 2015, Raniere ha creato una società segreta entro Nxivm chiamata 'DOS', un acronimo che sta per una frase latina che si può tradurre in modo libero con 'Signore/Maestro delle compagne donne obbedienti', o 'La promessa'. E DOS operava con donne 'schiave' guidate da 'maestri'", spiega ancora il dipartimento Usa della Giustizia. Gli inquirenti hanno ricostruito che ci si aspettava che le 'schiave' diventassero 'maestre' reclutando le loro stesse 'schiave', che poi avrebbero "prestato servizio non solo alle loro maestre, ma anche ai maestri al di sopra di loro nella piramide DOS".

In cima alla piramide c'era Raniere, "al di là di Raniere tutti i membri di DOS erano donne" e "Mack è una delle donne nel primo livello della piramide immediatamente al di sotto di Raniere". Alle donne veniva detto che l'organizzazione le avrebbe aiutate a liberarsi delle loro debolezze, ma la posizione di Raniere non veniva rivelata alle nuove reclute. A chi intendeva unirsi a DOS veniva richiesto di fornire garanzie come foto da nude, informazioni compromettenti su familiari e amici oppure diritti ad alcuni asset. "Alle schiave veniva detto che le loro garanzie potevano essere pubblicate per svariate ragioni, compreso per avere detto a qualcuno dell'esistenza di DOS o se si lasciava DOS", spiega il dipartimento Usa della Giustizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata