All'asta le proprietà di Lucio Dalla, presto la casa-museo

Roma, 8 ago. (LaPresse) - Gli eredi di Lucio Dalla hanno deciso di vendere con un'asta pubblica alcuni beni dell'artista. Fra questi vi sono la sua barca 'Brilla&Billy', i due appartamenti situati in via d'Azeglio 15 a Bologna, in cui l'autore di 'Caruso' viveva, e la villa di Milo, a Catania, dove Dalla produceva il suo vino, lo Stronzetto dell'Etna. 'Spazi di Lucio' è il nome che i famigliari hanno voluto dare all'iniziativa che si concluderà il 2 ottobre.

Il primo dei due appartamenti di Via d'Azeglio misura 214 metri quadrati ed composto da un ingresso, il soggiorno con un camino, la cucina, due camere da letto, un bagno e tre terrazzi. Il secondo, invece, misura in tutto 220 metri quadrati ed è composto da un ingresso, una cucina, un salone con doppio volume, un soppalco, una cucina, tre camere da letto, due bagni e un ripostiglio.

La villa di Milo, invece, misura all'incirca 400 metri quadrati, in cui trovano spazio due saloni, una cucina con soggiorno e camino, quattro camere da letto, uno studio, tre bagni e il locale lavanderia. In asta nello stesso lotto anche la dependance della villa, un locale tecnico, un magazzino e, soprattutto, il terreno circostante e il parco con piscina. Includendo anche questi elementi, le dimensioni complessive della proprietà, in cui il cantante trascorreva le vacanze, arrivano a 21mila metri quadrati.

Questa raccolta fondi finanzierà in parte la nascita della casa-museo di Lucio che permetterà a chiunque lo vorrà di tuffarsi nel mondo dell'artista scomparso due anni fa. Si potranno vedere con i propri occhi i luoghi in cui sono nati alcuni dei più grandi capolavori della musica italiana. La data di inaugurazione della casa-museo sarà comunicata ufficialmente il prossimo autunno, in occasione del battesimo della Fondazione Lucio Dalla.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata