A Milano in mostra il Codice Atlantico di Leonardo per Expo 2015

Milano, 25 feb. (LaPresse) - Saranno Leonardo da Vinci e il suo Codice Atlantico gli ambasciatori della Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano ad Expo 2015. Per tutto il periodo dell'Esposizione Universale, dal 10 marzo al 31 ottobre 2015, la mostra 'La mente di Leonardo. Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico', allestita nei due spazi della Pinacoteca Ambrosiana e della Sagrestia del Bramante nel convento di Santa Maria delle Grazie, consentirà di conoscere la personalità di Leonardo e la ricchezza delle tematiche da lui toccate, la varietà dei suoi campi di interesse e di studio, la particolarità della sua opera e del suo genio nel contesto del Rinascimento italiano. Attraverso gli studi presenti nello stesso Codice Atlantico o, per alcuni fogli sciolti, come quelli artistici, conservati in Ambrosiana.

L'iniziativa chiude il ciclo di esposizioni iniziate nel 2009, in occasione del IV centenario dell'apertura al pubblico dell'Ambrosiana, ed offre ai visitatori l'opportunità di ammirare nella quasi sua interezza il Codice Atlantico. 'La mente di Leonardo', curata da Pietro C. Marani, propone un nucleo di 88 fogli - esposti in due tempi, di tre mesi ciascuno - che illustrano alcune delle principali tematiche artistiche, tecnologiche e scientifiche, cui Leonardo si è interessato lungo tutta la sua carriera, e che si articolano in sezioni che danno conto di Studi di idraulica, Esercitazioni letterarie, Architettura e scenografia, Meccanica e macchine, Ottica e prospettiva, Volo meccanico, Geometria e matematica, Studi sulla Terra e il Cosmo e Pittura e Scultura. Quasi seguendo l'ordine delle proprie competenze elencato dallo stesso Leonardo nella celebre missiva con cui offre il suo lavoro a Ludovico il Moro.

"Sfogliando le pagine del Codice Atlantico - afferma Pietro C. Marani - in questo cuore segreto di Milano, ed esaminando i disegni e le carte in esso contenute, si rivive l'emozione di un contatto diretto con la mente di Leonardo, mentre si è catapultati nell'atmosfera e nel clima degli anni gloriosi del collezionismo milanese. Quando Galeazzo Arconati, nel 1637, poteva donare i preziosi manoscritti di Leonardo da lui fino ad allora posseduti, e custoditi nel Castellazzo di Bollate, alla Biblioteca Ambrosiana appunto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata