'Glee' dice addio a Cory Monteith in episodio tributo

Los Angeles (California, Usa), 11 ott. (LaPresse/AP) - 'Glee' ha detto addio a Finn, il quarterback e cantante della popolare serie per ragazzi interpretato da Cory Monteith, morto il 13 luglio scorso per un fatale mix di alcol e droghe. L'episodio tributo già annunciato da tempo è stato mandato in onda ieri sul canale statunitense della Fox. La morte di Finn Hudson non è stata drammatizzata sullo schermo e non è stato mostrato il funerale, L'episodio girato poche settimane dopo la morte dell'attore si è incentrato sulle reazioni degli amici e su come la scomparsa abbia influenzato il gruppo. La causa della morte del personaggio della serie non è stata comunicata.

Dopo la morte di Cory Monteith, trovato senza vita nella sua camera d'albergo a Vancouver in Canada, i produttori della serie hanno deciso di far morire anche il personaggio di Finn. Il tributo pensato e girato poco giorni dopo la notizia della scomparsa dell'attore 31enne si è focalizzato sull'impatto della morte sugli amici. Molte le lacrime versate e gli animi sconvolti. L'episodio ha rappresentato più una riflessione su ciò che significa perdere qualcono per le persone intorno a chi scompare piuttosto che sulla morte stessa.

"Tutti vogliono parlare di come è morto" ha detto un personaggio della serie "ma chi se ne frega, a me interessa come ha vissuto". Mentre la trama della puntata non ha toccato la questione della tossicodipendenza, un breve messaggio è stato trasmesso nei titoli di coda per ricordare al pubblico come Monteith abbia combattuto l'abuso di sostanze perdendo però la sua battaglia. 'Glee' prenderà una pausa nella trasmissione per alcune settimane per trasmettere la World Series di baseball.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata