La pop star si racconta nel primo episodio della nuova serie di Oprah Winfrey e del principe Harry

Lady Gaga è rimasta incinta dopo essere stata violentata. Al tempo aveva solo 19 anni. Un shock che ha lasciato conseguenze psicologiche e fisiche indelebili.

La pop star americana, 35 anni, ha raccontato il trauma che ha segnato la sua vita durante il primo episodio della nuova serie sulla salute mentale ‘The Me You Can’t See‘ di Oprah Winfrey e del principe Harry.

Lady Gaga ha ricordato di come fu aggredita sessualmente da un produttore musicale. Un drammatico episodio personale che l’ha portata a seguire una terapia mentale e fisica per poter guarire.

Lady Gaga al 'The Me You Can't See'

Lady Gaga

“Avevo solo 19 anni e stavo muovendo i primi passi nel modo della musica e un produttore mi disse: ‘Spogliati. Togliti i vestiti’. Io dissi di no e me ne andai. E lui minacciò di rovinarmi, che avrebbe fatto terra bruciata attorno a me. E non si sono fermati… non hanno smesso di farmi richieste e io ero paralizzata e… non ricordo nemmeno”.

Una confessione dolorosa, spesso interrotta da lunghe pause, un tornare indietro nel tempo che Lady Gaga, notevolmente provata, vuole condividere con fan e pubblico.

Parlando dell’esperienza che ha segnato per sempre la sua vita ha rivelato che a quello stupro seguì una gravidanza. “Prima ho sentito un dolore totale, poi sono diventata insensibile. Poi sono stata male per settimane e settimane, successivamente ho capito che era lo stesso dolore che ho provato quando la persona che mi ha violentata mi ha lasciata incinta in un angolo, fuori da casa dei miei genitori perché non stavo bene e continuavo a vomitare. Perché avevo subito un abuso. Sono stata rinchiusa in studio per mesi”.

Lady Gaga: Per un paio di anni non sono stata più la stessa

Lady Gaga è molto amata in tutto il mondo proprio per la sua capacità di mostrarsi fragile e umana di fronte a milioni di fan. La sua prova di condivisione e di coraggio rappresenta un gesto che potrebbe aiutare altri a superare meglio i momenti bui.

“Per un paio di anni, non sono stata più la stessa ragazza”, continua Lady Gaga. “Ho avuto una totale crisi psicologica. Mi hanno fatto tante risonanze magnetiche in cui non trovavano nulla. Ma il tuo corpo ricorda tutto. Ho anche affrontato un altro nemico, l’autolesionismo. Sai perché non fa bene tagliarsi? Sai perché non è giusto buttarsi contro il muro? Sai perché non fa bene l’autolesionismo? Perché ti fa stare peggio. Pensi che ti sentirai meglio perché stai mostrando a qualcuno. ‘Guarda, sto soffrendo’. Ma la verità è che non aiuta. Adesso le cose vanno meglio, tutto sta cambiando”.

E poi ha aggiunto: “Tutti pensano che sia come ogni altro virus, che ti ammali e poi guarisci. Non è così. Non è solo così. In realtà, penso che intrappoli le persone ”.

Infine Lady Gaga ammette lo sforzo nell’aprirsi davanti a milioni di persone: “E’ difficile da raccontare. Provo molta vergogna per questo. Come spiego alle persone che ho privilegi, soldi, potere e sono infelice?”.

Poi parlando direttamente all’obiettivo si rivolge ai telespettatori: “Non sono qui per raccontarti la mia storia perché voglio che qualcuno pianga per me. Sto bene. Ma apri il tuo cuore per qualcun altro. Ci sono passata e le persone hanno bisogno di aiuto. Quindi, questo fa parte della mia guarigione, essere in grado di parlare con te”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata