Laureato in giurisprudenza non eserciterà mai la professione forense, voleva sfondare nel mondo dello spettacolo

Desiderava lavorare nello spettacolo fin da quando era piccolo e oggi a 80 anni, Pippo Baudo può guardarsi indietro e notare con orgoglio che la sua carriera ha accompagnato la storia del piccolo schermo. Il 7 giugno del 1936 Giuseppe Raimondo Vittorio Baudo nasceva a Militello in Val di Catania, una piccola cittadina che gli ha dato i natali anche artisticamente. Infatti i primi passi su un palco li ha fatti al Cine Teatro Tempio quando intratteneva il pubblico negli intervalli degli spettacoli, suonando anche il piano.

Pippo Baudo oltre a essere un volto storico del piccolo schermo, fautore di programmi di successo, è stato anche uno scopritore di talenti, tra gli altri Beppe Grillo, Loretta Goggi, Heather Parisi, Lorella Cuccarini, Laura Pausini, Andrea Bocelli e Giorgia. Per questo spesso nelle parodie o nelle imitazioni del presentatore gli si fa pronunciare la frase "L'ho inventato io…".
Nel 1991 subì un attacco dinamitardo a casa sua a Santa Tecla in Sicilia, da parte della mafia per le critiche espresse durante una commemorazione del giudice Rocco Chinnini, noto per l'istituzione del 'pool antimafia' e per la sua lotta alla criminalità organizzata.

Da giovane Pippo Baudo segue la via tracciata e voluta dal padre avvocato e si laurea in giurisprudenza, ma non eserciterà mai la professione forense: lui vuole andare a Roma e sfondare nel mondo dello spettacolo. La famiglia sulle prime però non è d'accordo per via dell'incertezza e della precariatà dello show business.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata