Los Angeles (California, Usa), 2 mag. (LaPresse/EFE) – Il re del blues B.B. King ha avuto nuovamente bisogno di cure mediche ed è stato portato in ospedale a Las Vegas per la seconda volta in meno di un mese. Un trattamento che farà discutere perché, secondo quanto riporta Tmz, è stato preceduto da una dura disputa sulla gravità del suo stato di salute tra la figlia Patty e Laverne Toney, manager e rappresentante legale che ha il controllo degli affari dell’artista. Uno scontro risolto solo dall’intervento della polizia e del personale medico giunto in casa del musicista.

I fatti risalgono a giovedì, quando Patty King, che vive con il padre 89enne, ha iniziato a insistere sulla necessità di trasferire il musicista in ospedale perché urinava arancione e non mangiava. Secondo la donna il padre avrebbe avuto anche un lieve infarto. Secondo Tmz, Toney non avrebbe ritenuto necessario il ricovero, ma Patty ha chiamato le autorità che hanno optato per un trasferimento in ospedale per eseguire delle analisi. La pagina web ufficiale di B.B. King ha pubblicato un messaggio in cui si spiega che il musicista sta ricevendo cure mediche nella sua casa di Las Vegas.

A novembre Patty King accusò Laverne Toney di appropriazione indebita del patrimonio e beni dell’artista, tra cui gioielli, e di avergli negato le medicine mentre il musicista si trovava in tour. Anche per questo Patty sta cercando una via legale per sottrarre a Toney l’autorità che ha sugli affari del padre. A inizio aprile B.B. King venne ricoverato a causa di una disidratazione, dovuta anche al diabete di cui soffre da oltre 20 anni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata