Roma, 25 giu. (LaPresse) – Lunedì 27 giugno alle 21 approda all’Auditorium Parco della Musica di Roma John Mayall, che a 75 anni è probabilmente il più autorevole bluesman inglese, sicuramente quello che ha maggiormente influenzato la musica blues. Per l’occasione sarà accompagnato da Rocky Athas alla chitarra, Greg Rzab al basso e Jay Davenport alla batteria.

Per lungo tempo accompagnato dai Bluesbreakers, fra i quali negli anni hanno militato anche musicisti come Eric Clapton, Peter Green, Mick Fleetwood, John McVie e Mick Taylor, John Mayall nel 2008 ha ufficialmente sciolto il trio per prendersi un momentaneo periodo di riposo dalle scene, sulle quali era una presenza costante da 50 anni, sempre con la stessa grinta e la stessa gioia di suonare e con una media di 120 concerti all’anno. L’invasione del blues inglese degli anni ’60 non sarebbe mai avvenuta senza l’input di John Mayall.

Nato nelle vicinanze di Manchester nel 1933, si appassiona alla musica ascoltando suo padre, musicista jazz; a 13 anni comincia già a formare uno stile proprio e a seguire una direzione ben precisa mostrando una notevole abilità nel suonare il piano. Di seguito comincia a suonare la chitarra blues e l’armonica. Nel 1963 forma i Bluesbreakers, gruppo che può vantare nel suo catalogo oltre 45 album.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata