Maturità 2019, al via gli orali: addio tesina, si parte con tre buste
Maturità 2019, al via gli orali: addio tesina, si parte con tre buste

Dopo le due prove scritte iniziano i colloqui, non senza novità

Finite le prove scritte, per gli studenti che stanno affrontando la maturità 2019 è arrivato il momento di sostenere l'orale, non senza novità. Da quest'anno non si potrà più partire da una tesina interdisciplinare scelta dal maturando, ma ci saranno tre buste tra cui scegliere per iniziare il colloquio. Al contrario delle prove scritte, per cui c'è una data stabilita dal ministero dell'istruzione, per gli orali ogni scuola ha la possibilità di fissare la propria.

L'orale, come spiega un video del Miur, sarà composto da quattro momenti. Si partirà dall'analisi e il commento dei materiali di spunto che lo studente troverà nella busta che sceglierà tra le tre che gli presenterà la commissione. Le buste sono tematiche e attinenti al percorso formativo, ma non contengono domande vere e proprie: ci saranno testi e documenti dai quali lo studente potrà partire per dimostrare quanto appreso durante gli anni di studio. Poi nel corso della prova gli studenti dovranno parlare dei percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento, di cittadinanza e costituzione e delle prove scritte.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata