Vaccini, via libera al Senato: si faranno in farmacia
Approvato il testo con le modifiche, esulta la Lega: Governo costretto a copiarci

L'aula del Senato ha confermato la riduzione da dodici a dieci dei vaccini obbligatori. Si tratta di difterite, epatite B, infezioni da Haemophilus Influenzae tipo b (Hib), pertosse, poliomielite e tetano. Poi ancora morbillo, rosolia e parotite. Infine la varicella. Palazzo Madama ha anche approvato l'emendamento al decreto che prevede la possibilità di somministrarli nelle farmacie.

Il segretario della Lega Matteo Salvini commenta la modifica: "Anche dall'opposizione, grande successo della Lega! Governo costretto a copiare e approvare la nostra proposta per i vaccini monodose. Avanti così: sempre dalla parte dei genitori, dei bambini, della libertà di curarsi senza imposizioni. Governo a casa!".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata