Usa, primo Dna modificato su un paziente: nuova tecnica per curare malattie rare
I primi risultati dell'innovativo esperimento, realizzato lunedì in California sul 44enne Brian Madeux, arriveranno tra un mese

Per la prima volta degli scienziati hanno provato a modificare un gene direttamente all'interno del corpo di un paziente nel tentativo di cambiare in modo permanente il Dna di una persona per curare una malattia. A riferire dell'esperimento, realizzato lunedì in California sul 44enne Brian Madeux, è l'agenzia Associated Press, ripresa da diversi media Usa. I primi risultati per valutare l'efficacia dell'innovativa procedura sono attesi tra un mese, mentre i test daranno certezza in proposito fra tre mesi.

Madeux, che soffre di una rara malattia metabolica chiamata Hunter, ha detto di "volersi assumere il rischio" di essere il primo a sottoporsi alla nuova procedura, "sperando che aiuti lui e altre persone".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata