Il cancro è la principale causa di morte nei paesi ricchi: è quanto emerge da due ricerche
Il cancro è la principale causa di morte nei paesi ricchi: è quanto emerge da due ricerche

I tumori sono la seconda causa di morte più comune al mondo nel 2017 e rappresentano poco più di un quarto (26%) di tutti i decessi: ma nei paesi ricchi, il cancro ora uccide più persone delle malattie cardiache

Le malattie cardiovascolari rimangono la prima causa di morte nel mondo per le persone di mezza età, ma il cancro sta diventando quella principale nei paesi ricchi. Lo si evince da due ricerche presentate oggi al Congresso della Società europea di cardiologia (ESC) a Parigi. È anche "probabile che il cancro diventerà la causa di morte più comune al mondo in pochi decenni", secondo gli stessi ricercatori che hanno diffuso i dati.

Le malattie cardiache rappresentano oltre il 40% dei decessi, ovvero circa 17,7 milioni di decessi nel 2017. Gli autori indicano il pesante tributo pagato da paesi poveri a queste patologie. Il cancro, la seconda causa di morte più comune al mondo nel 2017, rappresenta poco più di un quarto (26%) di tutti i decessi. Ma nei paesi ricchi, il cancro ora uccide più persone delle malattie cardiache, secondo una ricerca, limitata a 21 paesi, pubblicata sulla rivista medica 'The Lancet'. I quattro paesi ad alto reddito presi in considerazione sono Canada, Arabia Saudita, Svezia ed Emirati Arabi Uniti.

"Il mondo sta assistendo a una nuova transizione epidemiologica, le malattie cardiovascolari non sono più la principale causa di morte nei paesi ad alto reddito", ha affermato Gilles Deganais, professore emerito alla Laval University, Quebec e coautore di entrambe le pubblicazioni. Ma poiché i tassi globali di malattie cardiache diminuiscono, il cancro potrebbe diventare la principale causa di morte in tutto il mondo "nei prossimi decenni", afferma.

Lo studio copre oltre 160.000 adulti seguiti nell'arco di un decennio (tra il 2005 e il 2016), nei paesi ad alto, medio e basso reddito. Secondo questo lavoro, le persone nei paesi poveri hanno in media 2,5 volte più probabilità di morire di malattie cardiache rispetto a quelle dei paesi ricchi. Secondo lo studio, negli stessi 21 paesi, il 70% dei casi di malattie cardiovascolari è dovuto a "fattori di rischio modificabili". I fattori di rischio metabolici - colesterolo alto, obesità o diabete - rappresentano oltre il 40% delle malattie cardiache e sono i principali determinanti della malattia nei paesi ricchi. Nei paesi in via di sviluppo, i ricercatori rilevano anche il ruolo  dell'inquinamento dell'aria, del cibo e dei bassi livelli di istruzione.

 "È necessario un cambiamento di rotta per mitigare l'impatto sproporzionato delle malattie cardiovascolari nei paesi a basso e medio reddito", ha affermato Salim Yusuf, professore di medicina alla McMaster University. "Questi paesi devono investire una quota maggiore del loro prodotto interno lordo nella prevenzione e nella gestione delle malattie non trasmissibili, comprese le malattie cardiovascolari, piuttosto che concentrarsi sulle malattie infettive", aggiunge. Lo studio ha incluso dodici paesi a medio reddito secondo una classificazione del 2006 (Argentina, Brasile, Cile, Cina, Colombia, Iran, Malesia, Palestina, Filippine, Polonia, Turchia e Sudafrica) e cinque paesi a basso reddito ( Bangladesh, India, Pakistan, Tanzania e Zimbabwe).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata