Coronavirus, sindaco Castiglione D'Adda: Siamo senza mascherine per la popolazione

Il primo cittadino Costantino Pesatori: "Ci hanno dato solo 40 mascherine per i dipendenti comunali, dalla Regione non ci dicono nulla"

"C'è preoccupazione. Finora la gente è stata collaborativa e paziente, ma adesso si è stufata di stare in casa e sta incominciando a girare". Lo ha dichiarato Costantino Pesatori, sindaco di Castiglione D'Adda, in provincia di Lodi, raggiunto telefonicamente dal reporter di LaPresse Stefano Bertolino. Castiglione è uno dei dieci paesi del Lodigiano che fanno parte della cosiddetta Zona Rossa, messa in quarantena per i rischi di contagio del virus. "Di fatto, nessuno vieta di circolare all'interno della Zona Rossa, però noi avevamo dato come consiglio di rimanere nelle proprie case, di uscire con le misure di protezione: mascherine, guanti e quant'altro. Naturalmente la gente ora esce per affrontare i bisogni di prima necessità, alimentari piuttosto che andare in farmacia, ed è normale che si creino anche dei capannelli che sarebbero da evitare. Ma siamo carenti di mascherine e la gente non adotta le dovute precauzioni", ha aggiunto Pesatori. Poi una critica alle istituzioni: "Ci hanno dato solo 40 mascherine per i dipendenti comunali, dalla Regione non ci dicono nulla".