Coronavirus, Sala: "Dopo l'emergenza a lavoro prima i giovani "

(LaPresse) "Se è vero che si rischia meno quando si è giovani, allora ha senso che anche il ritorno alla normalità al lavoro venga fatto con una gradualità che tenga conto dell'aspetto anagrafico. E io ci sto pensando ad esempio per le migliaia di dipendenti del Comune di Milano", a dirlo è il sindaco di Milano, Beppe Sala nel suo appuntamento quotidiano sui social sul coronavirus. Poi sui tamponi, il primo cittadino di Milano ha aggiunto: "Si parla molto di tamponi. Ma attenzione a quello che dice il professore Mantovani dell'Humanitas. In realtà, noi dobbiamo anche capire il nostro livello di immunità quindi come sottoporci a test che, attraverso l'analisi degli anticorpi, verificano se siamo immuni. E probabilmente siamo immuni perché l'abbiamo fatta e non ce ne siamo accorti. Pensate a questo elemento quanto sarà importante per il ritorno alla normalità".