Coronavirus, Papa celebra Domenica delle Palme in una San Pietro deserta: "Giovani guardate i veri eroi"
Coronavirus, Papa celebra Domenica delle Palme in una San Pietro deserta: "Giovani guardate i veri eroi"

Messa in una Basilica vuota per l'emergenza: "Davanti a certezze che si sgretolano apriamo cuore a Gesù"

Messa della Domenica delle Palme in una Basilica di San Pietro desrata per l'emergenza Covid-19. La funzione solenne celebrata da Papa Francesco è stata trasmessa in streaming: "Oggi, nel dramma della pandemia, di fronte a tante certezze che si sgretolano, di fronte a tante aspettative tradite, nel senso di abbandono che ci stringe il cuore, Gesù dice a ciascuno: “Coraggio: apri il cuore al mio amore. Sentirai la consolazione di Dio, che ti sostiene" ha detto il Pontefice. 

"Il dramma che stiamo attraversando ci spinge a prendere sul serio quel che è serio, a non perderci in cose di poco conto; a riscoprire che la vita non serve se non si serve. Perché la vita si misura sull’amore" ha aggiunto Bergoglio. Siamo al mondo per amare Lui e gli altri. Il resto passa, questo rimane".

"Carissimi, incamminiamoci con fede nella Settimana Santa, nella quale Gesù soffre, muore e risorge. Le persone e le famiglie che non potranno partecipare alle celebrazioni liturgiche sono invitate a raccogliersi in preghiera a casa, aiutate anche dai mezzi tecnologici" le parole durante l'Angelus "Stringiamoci spiritualmente ai malati, ai loro familiari e a quanti li curano con abnegazione; preghiamo per i defunti, nella luce della fede pasquale. Ciascuno è presente al nostro cuore, al nostro ricordo, alla nostra preghiera".

Ai giovani il Papa ha detto: "In questa Giornata che da 35 anni è dedicata a loro. Cari amici, guardate ai veri eroi, che in questi giorni vengono alla luce: non sono quelli che hanno fama, soldi e successo, ma quelli che danno sé stessi per servire gli altri". "Sentitevi chiamati a mettere in gioco la vita. Non abbiate paura di spenderla per Dio e per gli altri, ci guadagnerete! Perché la vita è un dono che si riceve donandosi. E perché la gioia più grande è dire sì all’amore, senza se e senza ma. Come Gesù per noi", ha aggiunto Francesco.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata