Coronavirus, l'appello di Sala: "La tecnologia può aiutare, chiedete di lavorare da casa"

Il sindaco di Milano su Facebook: "Milano si sta svuotando, ma possiamo fare di più". Poi l'appello ai giovani: "State a casa"

Il sindaco di Milano Beppe Sala è tornato a rivolgersi ai suoi concittadini con un appello via social chiedendo di evitare la socialità per continuare a contrastare l’emergenza coronavirus. "Oggi è il primo giorno di applicazione delle nuove regole. La città si sta svuotando, bene. Possiamo fare ancora di più, perché la prima cosa che ci viene chiesta è di evitare socialità e di stare in casa", ha detto sulla su Facebook aggiungendo che "la tecnologia può dare una mano, in questo momento per esempio più di mille dipendenti del Comune di Milano sono a casa in smart working". "Lo dico a tutti: chiedete alle vostre aziende di lavorare con questa modalità. E alle aziende dico ‘comportatevi con flessibilità", ha spiegato il primo cittadino di Milano che ha poi rivolto un invito soprattutto ai più giovani: "State in casa, date una mano alla famiglia, se è il caso annoiatevi anche un po’".