Coronavirus, Conte: "La crisi più difficile che il Paese sta vivendo dal secondo dopoguerra"

"È la crisi più difficile che il Paese sta vivendo dal dopoguerra. Lascerà un segno indelebile in noi anche quando tutto questo sarà finito. Quelle che piangiamo sono persone. Le misure fin qui adottate richiedono tempo prima che possano dispiegare i loro effetti. Ma dobbiamo continuare a rispettare le regole. Non abbiamo alternative. In questo momento dobbiamo resistere, perché solo in questo modo potremo tutelare le persone che amiamo". Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, parlando delle ulteriori misure per il contenimento del coronavirus.