Coronavirus, Borrelli: Altri 3 morti. I decessi ora sono 17. I casi sono 650
Coronavirus, Borrelli: Altri 3 morti. I decessi ora sono 17. I casi sono 650

Il capo della Protezione Civile fa il punto sul contagio alle 18 . Sale il numero delle vittime. Impennata dei contagi

"Sono saliti a 650 i positivi al coronavirus in Italia. Si registrano poi altri tre decessi in Lombardia, tutti di ultraottantenni e con un quadro clinico delicato". Così Angelo Borrelli, capo della protezione civile e commissario per l'emergenza Coronavirus nella conferenza stampa delle 18.

"Iniziamo da una buona notizia che arriva dalla Lombardia: ci sono 3 guariti, con un totale in regione di 40 persone. In totale, con i 2 della Sicilia e 3 del Lazio, in Italia i guariti sono 45", ha affermato il capo della Protezione civile che poi ha proseguito: "In Lombardia abbiamo registrato 3 decessi, due di 88 anni e una di 82, persone con quadro clinico delicato e importante. E a Milano riapre ai turisti il Duomo, seppure con ingressi contingentati e biglietti solo on line.

 

"Come avevamo previsto, abbiamo il primo soggetto influenzato residente nella provincia di Taranto, sembra proveniente da Codogno in Lombardia, ove si era recato in visita, positivo al test", informa il governatore Michele Emiliano, secondo cui l'Istituto superiore di sanità si occuperà della verifica. Il paziente è isolato in ospedale e "il decorso è regolare". Si registrano anche le prime positività fra i minorenni: sarebbero non gravi, sette in Lombardia e uno in Veneto, un bambino di 8 anni di Limena, in provincia di Padova. In merito, Borrelli predica prudenza: "Non disponiamo di informazioni ufficiali".

E il ministro della Salute, Roberto Speranza, chiarisce: "L'Italia è più forte del coronavirus. Ad oggi, non hanno trovato conferma le ipotesi attorno al caso 'zero' che ha infettato il primo paziente nell'area del Lodigiano, in Lombardia". Però il bilancio di giornata è condito anche da notizie positive, perché l'Istituto nazionale di malattie 'Infettive' Lazzaro Spallanzani di Roma ha sciolto la prognosi sui coniugi cinesi, a 29 giorni dal ricovero. La donna, primo caso confermati di Covid-19 in Italia, è guarita e anche il marito potrebbe essere dimesso. E, ancora, una donna affetta da coronavirus a Piacenza ha dato alla luce un bimbo, che invece sta bene, come annunciato dall'assessore regionale alla Sanità dell'Emilia-Romagna, Sergio Venturi.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata