Clima, Iss: "Urgente invertire la rotta, a rischio salute bambini"
Clima, Iss: "Urgente invertire la rotta, a rischio salute bambini"

Silvio Brusaferro (Istituto superiore di Sanità): "Costruire un futuro sostenibile è imprescindibile"

Clima e salute, un binomio ormai indissolubile. Se ne discute all'Istituto superiore di Sanità con l'occasione di una tavola rotonda dedicata alla riflessione sul rapporto 'The Lancet Countdown on Health and Climate Change' pubblicata su The Lancet, frutto della collaborazione tra 120 esperti di 35 istituzioni di tutto il mondo - tra cui l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), la Banca Mondiale, il University College di Londra e l'Università di Tsinghua - che ha analizzato 41 indicatori chiave, suggerendo quali azioni intraprendere per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi.

L'Italia, secondo Lancet tra i primi posti in Europa e undicesima nel mondo, per mortalità da polveri sottili, è anche un laboratorio straordinario, grazie alla sua posizione geografica e all'estrema eterogeneità meteo-climatica, per poter studiare e mettere a punto strategie e azioni capaci di mitigare e contrastare i cambiamenti climatici.

"L'incontro è stato voluto per sottolineare l'impegno dell'Istituto sul tema dell'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute - dichiara Silvio Brusaferro, presidente dell'Iss - un tema che per l'Istituto ha un valore assolutamente strategico. Costruire un futuro sostenibile deve essere per tutti un impegno imprescindibile perché la nostra salute e soprattutto quella delle generazioni future passa attraverso la salute del pianeta. Stiamo lavorando perché anche l'Istituto possa testimoniare al più presto un modello di sostenibilità nell'organizzazione e attraverso le buone pratiche. Tutte le Istituzioni, ma anche i cittadini sono chiamati a un'inversione di marcia nelle politiche e nei comportamenti individuali. Insieme, riscrivere il profilo italiano di Lancet Countdown è possibile. Noi siamo pronti a fare la nostra parte'.

Percorrere fino in fondo il cammino tracciato dall'accordo di Parigi potrebbe consentire ai bambini nati oggi di crescere in un mondo in grado di raggiungere l'obiettivo zero emissioni entro il loro 31° compleanno e garantire un futuro più sano per le generazioni future. Solo un taglio del 7,4% l'anno delle emissioni di CO2 fossile dal 2019 al 2050, avvertono gli studiosi, limiterà il riscaldamento globale, secondo l'obiettivo più ambizioso di mantenere questo aumento entro 1,5°C.

Gli autori di The Lancet Countdown chiedono un'azione coraggiosa per invertire la tendenza in quattro aree chiave: fornire una rapida, urgente e completa eliminazione graduale dell'energia a carbone in tutto il mondo. Garantire che i paesi ad alto reddito rispettino gli impegni internazionali di finanziamento per il clima di 100 miliardi di dollari l'anno entro il 2020 per aiutare i paesi a basso reddito. Aumentare sistemi di trasporto pubblico e attivo, in particolare a piedi e in bicicletta, come la creazione di piste ciclabili e programmi di noleggio o acquisto di biciclette a prezzi accessibili ed efficienti. Fare grandi investimenti nell'adattamento del sistema sanitario per garantire che i danni alla salute causati dai cambiamenti climatici non sopraffacciano la capacità dei servizi sanitari e di emergenza di curare i pazienti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata