Vendola: Centrosinistra fa primarie, Monti e Casini decidono al chiuso

Roma, 29 dic. (LaPresse) - "Mentre noi facciamo le primarie e apriamo alla società civile Mario Monti e Per Ferdinando Casini stanno chiusi in un luogo segreto a decidere di liste e candidature". È questa l'immagine che sceglie Nichi Vendola, intervistato da 'L'Unità', per segnare la distanza tra il centrosinistra "e il resto del panorama politico italiano" in un'intervista che appare oggi sul quotidiano l'Unita. "Monti che svolge un vertice in un luogo segreto con Casini: se uno riesce a fotografare il senso di queste parole ha uno dei fotogrammi più antichi del mondo, - prosegue il leader di Sel - ovvero la politica come codice di separazione, come vocazione al comando rivendicata dalle elité".

"Le primarie sono esattamente il contrario, sono una forma di riappropriazione della politica intesa come bene comune, come ricostruzione di un'idea di comunità. Certo, possono esserci delle polemiche ora, come ci sono state in occasione di quelle per la premiership, ma noi stiamo sperimentando una nuova formula e come ogni in esperimento possono esserci delle cose da migliorare. Quello che non può sfuggire a nessuno - conclude Vendola - è che il centrosinistra sta ricostruendo una connessione con un popolo largo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata