Unioni civili, Sacconi: Sentenza Strasburgo boccia matrimonio gay

Roma, 21 lug. (LaPresse) - "Ad una prima lettura la sentenza della corte di Strasburgo boccia la richiesta di matrimonio e parla solo di maggiori tutele per convivenze omo ed eterosessuali". A commentare la sentenza Maurizio Sacconi (Ncd), presidente della Commissione lavoro del Senato. La corte - aggiunge - "ribadisce i principi e i criteri cui si è sempre attenuta nella sua giurisprudenza". "Non accogliendo la tesi dei ricorrenti ove faceva riferimento all'articolo 12 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo - spiega - la sentenza ha ribadito che i paesi membri possono liberamente regolare l'istituto matrimoniale riservandolo, come nel caso dell'Italia, alle sole coppie eterosessuali. La Corte ha invece individuato un'insufficienza di diritti e di tutele con riferimento all'articolo 8 della Convenzione dedicato alla vita privata delle persone".

"Sembrerebbe quindi esservi un modo - aggiunge Sacconi - di adempiere alla sentenza, che peraltro fa riferimento a tutte le convivenze, etero e omosessuali, senza creare i presupposti per l'estensione giurisprudenziale dell'istituto matrimoniale, delle adozioni e delle provvidenze pubbliche riservate alla famiglia naturale in funzione della continuità della specie umana". "Si tratta ora quindi di leggere bene la sentenza - conclude - alla luce della complessiva giurisprudenza della Corte, in modo da definire gli ambiti di sovranità del Parlamento e del popolo italiano".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata