Unioni civili, il governo incassa la fiducia alla Camera
Via libera al ddl Cirinnà 369 sì e 193 no. Meloni posta selfie con foto contrario. Pinotti: Finalmente più diritti

L'aula della Camera ha approvato la fiducia posta dal governo sul disegno di legge Unioni civili con 369 sì, 193 no e 2 astenuti. L'assemblea è stata aggiornata alle 16 con la discussione degli ordini del giorno e a seguire il voto sul provvedimento che dovrebbe arrivare intorno alle 19.  E' iniziato nell'aula della Camera l'esame degli ordini del giorno presentati al ddl Unioni civili.  I testi presentati sono 38, dopo il ritiro di uno.

LEGGI LA SCHEDA: Cosa prevede la legge

Sulle unioni civili, il copione del Senato si è ripetuto anche alla Camera. Il Governo, rappresentato dalla ministra per le Riforme Maria Elena Boschi, ha posto ieri la questione di fiducia. Intanto la polemica viene alimentata dal candidato sindaco di Roma Alfio Marchini, che afferma che da primo cittadino non sposerebbe i gay in Campidoglio, e dal segretario dell'assemblea dei vescovi italiani, Nunzio Galantino, che dice: "Il Governo avrà anche le sue logiche, le sue ragioni, ma il voto di fiducia può rappresentare spesso una sconfitta per tutti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata