Umbria, vince il centrodestra: è trionfo Lega. Tesei: "E' lo specchio di cosa vuole Italia"
Umbria, vince il centrodestra: è trionfo Lega. Tesei: "E' lo specchio di cosa vuole Italia"

Affermazione schiacciante della coalzione Lega - FdI - Fi: la senatrice del Carroccio  si impone con il 57,55% rispetto al 37,49% di Vincenzo Bianconi, candidato dell'alleanza tra M5S e centrosinistra. Salvini: " Italiani non hanno più pazienza, prima si vota meglio è". E rilancia il "gioco di squadra". Lega al 36,9%. Bene il partito della Meloni

Una vittoria netta, "storica". Superiore alle aspettative. Il centrodestra conquista l'Umbria, dopo 50 anni di governo di sinistra. Donatella Tesei vince con il 57,55% rispetto al 37,49% racimolato in extremis da Vincenzo Bianconi, candidato dell'alleanza tra M5S e centrosinistra. E guardando al risultato delle singole liste, è chiaro il sorpasso della Lega di Matteo Salvini che arriva al 36,9% (contro il 38,2% delle europee). Exploit di Fratelli d'Italia: il partito di Giorgia Meloni va in doppia cifra e conquista il 10,4% per cento arrivando quasi a doppiare Forza Italia (ferma al 5,5 per cento). Per contro, la cosiddetta 'foto di Narni' non è servita alla sperimentale alleanza Pd-M5S a recuperare lo svantaggio iniziale, frutto dello scandalo che ha portato alle elezioni e che ha visto coinvolta la presidente uscente, Catiuscia Marini: i dem che hanno sempre governato la Regione sfiorano il 22% (dal 24% delle europee) mentre i Cinque Stelle precipitano al 7,41% (dal 14,6% di maggio).

La lettura della tornata locale è subito sconfinata sul piano nazionale. "Per i signori Conte, Di Maio, Renzi e Zingaretti che sono momentaneamente e abusivamente occupanti del Governo nazionale i giorni sono contati", ha esordito il leader leghista Matteo Salvini. E stamattina ai microfoni di Rtl 102.5 ha rincarato la dose: "In questa manovra si stanno inventando la qualunque, temo che gli italiani non abbiano la pazienza di ascoltare le beghe di Di Maio e Zingaretti. Prima si vota, meglio è".

Più diretta Giorgia Meloni: "Penso che il governo debba immediatamente rassegnare le dimissioni". Mentre per Silvio Berlusconi il centrodestra "è il futuro dell'Italia e ha il diritto-dovere di governare il Paese".

Salvini, infatti, ha riconosciuto il merito della vittoria alla squadra, "non mi piace giocare in solitaria". Frase che è servita Berlusconi per ribadire l'importanza dell'azione di Forza Italia nel centrodestra "garante della tradizione occidentale, democratica, liberale e cristiana dell'Occidente e dei suoi principi".

La vincitrice, Donatella Tesei, va subito all'incasso: il governo deve ora mantenere quello che ha promesso in campagna elettorale. Innanzitutto, la ricostruzione post-sisma, "su cui siamo bloccati". E poi lavoro e la valorizzazione delle imprese. Quella del centrodestra, ribadisce, "è un'impresa storica, è importantissima per questa Regione che ha saputo dimostrare una grande forza e determinazione di credere, questa volta, in un progetto di cambiamento". L'Umbria, per Tesei, è lo specchio del Paese, di ciò che vogliono gli italiani.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata