Ue, Salvini: Parliamo degli sfigati di tutto il mondo e non dei marò

Strasburgo, 2 lug. (LaPresse) - "Non una parola sui Marò. Ci occupiamo degli sfigati e dei disperati di tutto il mondo, e non dei marò". Così Matteo Salvini, eurodeputato eletto nelle liste della Lega, parlando a Strasburgo davanti alla seduta plenaria del Parlamento europeo dopo l'intervento di Matteo Renzi. "Il corridoio umanitario - ha aggiunto - lo vorrei per i 150 imprenditori che si sono suicidati a causa della crisi, per i pescatori e gli agricoltori" imbrigliate dalle regole Ue "ma non c'è stata una parola su agricoltura o pesca".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata