Ue, Mattarella: Ciascuno con propria identità ma è nostro comune futuro

Roma, 19 nov. (LaPresse) - "Queste terre sono sollecitate a spinte collaborative. Questa esigenza è stata tradotta e portata in concreto dall'Unione europea, dal nostro comune futuro. L'integrazione dell'Ue ha messo in comune il futuro dei suoi popoli. Questo ha consentito di cancellare frontiere e superare divisioni forzose e talvolta innaturali. Tutto questo ha creato una prospettiva crescente che mette in comune tutti i popoli europei, ciascuno con la propria identità, la propria cultura, i propri caratteri ma tutti accomunati da questa comune prospettiva di pace, collaborazione e di crescita comune". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo a Merano alla Cerimonia in occasione dei 130 anni dalla fondazione della società Athesia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata