Ue, Grillo: Farage ha fatto bene a voltare spalle, gioia non c'è più

Dalla nostra inviata Nadia Pietrafitta

Strasburgo (Francia), 1 lug. (LaPresse) - "Farage ha fatto bene a voltare le spalle quando c'era l'Inno alla gioia. L'Inno della gioia non è della gioia più per nessuno. Lo ha usato Hitler e lo ha usato Mao, lo hanno usato i più grandi dittatori, i più grandi killer della storia". Così Beppe Grillo a Strasburgo facendo il discorso di insediamento insieme a Nigel Farage, riferendosi all'inaugurazione della legislatura, durante la quale gli europarlamentari di Ukip si sono voltati di spalle. "Amo le persone come Farage - ha continuato - perché è uno che si emoziona. Ci siamo trovati subito. Noi abbiamo cambiato la politica in Italia, lui la vuole cambiare a Londra". "Se mi va male in Italia - ha aggiunto rivolgendosi al leader degli euroscettici - vengo a stare da te a Londra, preparati".


"Siamo arrivati qua - ha proseguito - da una campagna di stampa vergognosa". "Lui - ha continuato Grillo riferendosi al leader di Ukip - veniva dipinto come un omofobo, un razzista, uno che ha giri strani. E io ancora peggio, come Hitler, Stalin, 'quasi stupratore'. Con una campagna così siamo riusciti a sopravvivere, specialmente in Italia, con anticorpi straordinari".

"Schulz è venuto in Italia a fare una campagna con i soldi pubblici contro di me", ha continuato riferendosi al presidente del Parlamento appena rieletto. "Diceva che sono un venticello - ha aggiunto -. Attento Schulz che ora sono qua".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata