Ue, Gentiloni a Riga per vertice ministri Esteri su Libia e Ucraina

Roma, 6 mar. (LaPresse) - Missione a Riga per il ministro degli Esteri e della cooperazione internazionale, Paolo Gentiloni. Il capo della diplomazia italiana oggi e domani è nella capitale lettone per partecipare alla Gymnich, il tradizionale incontro informale dei ministri degli Esteri Ue, presieduto dall'Alto rappresentante per la politica estera e la sicurezza dell'Unione europea Federica Mogherini.

LIBIA E UCRAINA TRA I TEMI. Al centro del vertice, pur non essendoci per tradizione un ordine del giorno fissato, ci saranno l'attuale situazione in Libia e in Ucraina, le relazioni tra Ue e Russia, nonché il futuro del partenariato orientale. Sul versante Libia, a Riga Gentiloni ribadirà, spiega la Farnesina, "che la dimensione della sfida rappresentata dalla crisi impone che l'azione della comunità internazionale sia convinta, coesa e sostanziale. In questo scenario, l'Italia è pronta a fare la sua parte a sostegno delle nuove istituzioni e della popolazione libica ed è disponibile a riattivare la cooperazione e l'assistenza in settori come la lotta al terrorismo e il contrasto all'estremismo, il capacity-building nel campo della sicurezza, il contrasto ai traffici illeciti e le tematiche migratorie, lo sviluppo della società civile. L'obiettivo è favorire la formazione al più presto di un Governo di unità nazionale in grado, di stabilizzare il Paese, far partire la ricostruzione e contrastare la crescente infiltrazione di gruppi terroristi affiliati al Daesh".

STRATEGIC REVIEW E ENP. Alla Gymnich, comunque, ci sarà spazio anche per riflettere sulla Strategic Review, che contribuirà alla formulazione di una nuova strategia di politica estera e sicurezza in Europa. Un'altra sessione della due giorni, infine, sarà dedicata alla European neighborhood policy (Enp). A questo proposito ci saranno incontri separati con i ministri degli Esteri dei Paesi candidati a entrare nell'Ue, con cui si discuterà dei progressi raggiunti e di ciò che ancora deve essere fatto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata