Ue, D'Alema: Europa non 'cambia verso' in mano ancora a conservatori

Roma, 28 set. (LaPresse) - "L'Europa doveva "cambiare verso", ma non sta andando nel verso che i progressisti auspicavano. Anzi. I popolari hanno una decina di eurodeputati in più, ma in Commissione hanno fatto l'en plein". Lo afferma Massimo D'Alema in una intervista al Corriere della Sera aggiungendo: "I conservatori hanno 14 commissari, i liberali 5 e i socialisti 8. Insomma, il predominio conservatore è impressionante. Temo che tutto ciò non potrà non avere effetti sulla politica dell'Unione, tanto è vero che c'è grande malcontento nel gruppo socialista a Bruxelles".

In merito invece al presidente della Bce, l'esponente Dem avverte: "Mario Draghi è sotto attacco da parte dei tedeschi e considero la cosa allarmante. È una conferma dell'offensiva conservatrice in Europa. Se si arriva persino a contestare il presidente della Bce".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata