Ue, Boccia (Pd): Discutere di aumento concordato del debito

Roma, 12 set. (LaPresse) - "Penso sia inevitabile andare oltre il 2,6% previsto in un altro quadro economico. Sulla sanità consiglio a tutti di leggere la relazione presentata a metà luglio dalla Lorenzin e preparata dal Parlamento. Nelle ultime sei manovre c'è sempre stato un taglio, tranne che col governo Letta. Una cosa concreta che è stata fatta è pagare i debiti della pubblica amministrazione, sia pure con grande lentezza, con un aumento concordato del debito pubblico. E' mai possibile che non si possa discutere in Europa di un aumento concordato del debito ai fini esclusivi di abbassare le tasse sulle imprese e sul lavoro?". Lo ha detto Francesco Boccia, parlamentare del Partito Democratico, questa mattina ad 'Agorà Estate', su Rai Tre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata