Tria: "Discontinuità non significa far saltare i conti pubblici"
"Contesto questa questione della continuità perché si pensa che la discontinuità si veda solo sul livello del deficit e della spesa, non credo sia questa la discontinuità, altrimenti vuol dire ‘mandiamo all’aria i conti’ e vediamo la discontinuità". Così il ministro dell'Economia Giovanni Tria in audizioni davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato riunite a Montecitorio. La discontinuità, continua il Ministro "si ha nell’uso delle risorse". Rivendico "una continuità ovvia di un pensiero sano, non si mandano all’aria i conti pubblici", conclude poi Tria.