Tav, Salvini: Un no all'opera sarebbe sfiducia a Conte

Milano, 5 ago. (LaPresse) - "Da qui non si scappa dal voto sul decreto Sicurezza bis e sulla Tav. O ci sono i sì o ci sono i no. Non esistono i forse. Se ci fosse un no sulla alta velocità sarebbe un grosso problema". Così il vicepremier, Matteo Salvini, a margine alla presentazione degli interventi di potenziamento della stazione Milano Rogoredo, sul voto della mozione sulla Tav in programma questa settimana in Senato. Alla domanda dei cronisti se con un no alla Torino-Lione cadrebbe il governo, il ministro dell'Interno risponde: "Gli italiani hanno appena votato, sarebbe una sfiducia al presidente del Consiglio, che ha riconosciuto che costa di meno finirla che non farla. Sarebbe uno schiaffo agli italiani che vogliono treni e porti e aeroporti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata