Tav, M5S: In corso aggressione a libertà di stampa

Roma, 23 ott. (LaPresse) - "Dopo il caso Erri De Luca, un nuovo sconcertante caso si apre, quello di Davide Falcioni: il giornalista è attualmente indagato per violazione di domicilio, avendo partecipato in qualità di cronista, alle manifestazioni No Tav dell'estate 2012, scrivendo reportage dal presidio dei manifestanti presso la sede di una società coinvolta nella costruzione. Ascoltato come teste durante il processo, è diventato imputato, solo per aver narrato i fatti da vicino, come ogni buon giornalista ha il diritto e dovere di fare". I parlamentari M5S del Piemonte Laura Castelli, Ivan Della Valle e Marco Scibona denunciano "una aggressione alla libertà di stampa che ruota intorno alla costruzione del Tav".

"Siamo di fronte a tecniche d'intimidazione giudiziaria - scrivono i Cinquestelle -. Non è bastata l'immane figuraccia di imputare un eminente scrittore come Erri De Luca, ora si processano i giornalisti perché raccontano quello che accade, ma che Paese è questo? Il Tav è infiltrato da mafie e politica corrotta ma a processo vanno le voci libere, i manifestanti, questa assurdità deve cessare immediatamente. Esprimiamo piena solidarietà a Davide Falcioni e ci auguriamo che venga prosciolto subito, e se qualcuno pensa che calerà il silenzio otterrà il risultato contrario".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata