Tav, Chiamparino: Compensazioni sparite per colpa dei burocrati

Torino, 9 ago. (LaPresse) - "Non so se i burocrati di cui parla il senatore Esposito abbiano agito di proposito, per sabotare la Torino-Lione, o si preoccupino semplicemente di gestire il bilancio. Di sicuro, non è la prima volta che capita, e questo è inaccettabile". A dirlo, in un'intervista pubblicata da 'La Stampa', è il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, all'indomani del taglio delle compensazioni nella delibera del Cipe, da 112 a 32 milioni. "Dovendo gestire i conti pubblici, e magari con l'avallo della struttura tecnico-politica, i burocrati decidono. Il che è un problema - sostiene il governatore - C'è un problema di scarsissima trasparenza, a fronte di meccanismi complessi. Dovremmo stare a Roma e vigilare tutti i giorni, fare i lobbisti: evidentemente è impossibile".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata