Tav, 'giallo' sull'analisi costi-benefici. Mit: "Esperti al lavoro, presto i risultati"

La replica del ministero al parlamentare dem torinese Davide Gariglio, secondo cui le nomine dei membri della Struttura tecnica sarebbero ancora prive di efficacia. Dura lettera dei No Tav alla vigilia della manifestazione per il 'sì'

Il controllo della magistratura contabile sulla nomina degli esperti della Commissione per l'analisi costi benefici delle grandi opere "non interferisce con la sostanza dell'azione degli esperti incaricati dal ministero". Il ministero dei Trasporti replica così alla richiesta di accesso agli atti formulata dal parlamentare dem torinese Davide Gariglio, secondo cui le nomine dei membri della Struttura tecnica sarebbero ancora prive di efficacia. L'analisi, si legge in una nota, "già in stato avanzato di elaborazione, darà frutti che molto presto saranno, in modo trasparente, a disposizione dello scrutinio dell'opinione pubblica".

"Siamo di fronte alla normale dinamica che si attiva in presenza dell'obbligo di sottoporre tutte le nomine ministeriali al vaglio della Corte dei Conti". "Come ha evidenziato ieri lo stesso parlamentare del Pd, il Mit ha risposto entro i termini ai rilievi della magistratura contabile - si legge nella nota - Tutto ciò, dunque, non interferisce con la sostanza dell'azione degli esperti incaricati dal ministero, che, avvertendo il senso di urgenza trasmesso loro dal Ministro Toninelli, la scorsa estate si sono messi responsabilmente al lavoro da subito in attesa del perfezionamento degli incarichi".

"Il controllo della magistratura contabile - al pari di altre tipologie di controllo, come ad esempio  la promulgazione - integra un atto che è in sé già perfetto e compiuto. E che, superato il controllo, viene validato retroattivamente. Quando si dice, dunque, che un atto di nomina è ancora sottoposto a controllo, non si può affatto sostenere che esso sia privo di una provvisoria efficacia, ma solo che non è stato ancora validato in via definitiva. Sostenere il contrario, come si legge in articoli di stampa strumentali e non accurati, equivarrebbe assurdamente ad affermare che tutti gli amministratori pubblici, le cui nomine sono al vaglio della Corte dei Conti, stiano agendo da 'fuorilegge'", conclude la nota.

Nel frattempo, alla vigilia della manifestazione per il 'sì' prevista per sabato a Torino, arriva una dura lettera da parte dei No Tav, che accusano gli avversari di usare l'opera come pretesto per attaccare Chiara Appendino. "Non vi sembra strano che le categorie di commercianti, industriali, architetti ecc. si trovino d'accordo con il Pd e altri partiti a marciare insieme rispolverando un 'orgoglio' che non abbiamo visto in tutti questi anni passati? Sì, è molto strano! E queste persone non sono semplici torinesi 'stufi della situazione', sono gli stessi che ci hanno portato in questa situazione, mangiando il più possibile da Torino, indebitandola e consumandola fino all'osso".

"Oggi vedono uno spiraglio per ritornare sulla breccia e lo prendono al volo - accusa il Movimento -, usando la vicenda Tav per dare battaglia alla giunta Appendino. Ci sarebbero mille motivi per manifestare contro questa giunta, che poco ha fatto di diverso rispetto al passato, ma sicuramente non sulla decisione di esprimersi contro il Tav".

"Hanno individuato il Tav come panacea di tutti i mali della città, con il solito modo: prendendo in giro i cittadini! E sapete perché? Perché la linea Torino-Lione non risolverà neanche uno dei problemi della nostra città. Volete davvero credere che un tunnel a più di 50 km da Torino, destinato per lo più a trasportare merci (che non ci sono!), risveglierebbe l'economia della nostra città? Sapete quanto influisce il Tav sul traffico in piazza Baldissera o in corso Grosseto? Nulla!", si legge ancora nella lettera. "Essere contro il Tav è atto di puro buonsenso e in Valle di Susa sono quasi trent'anni che ci si oppone perché si è deciso di non accettare più né lo spreco di denaro pubblico né le scelte di chi guadagna sempre sulle disgrazie altrui", concludono in No Tav.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata