Stato-mafia, legale Riina: Napolitano può dare contributo importante

Palermo, 25 ott. (LaPresse) - "Credo che il presidente possa offrire un contributo importante per ricostruire quella stagione". Lo dice Luca Cianferoni, avvocato del boss Totò Riina, cui la Corte d'assise di Palermo ha concesso la possibilità di esaminare il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, nel corso dell'udienza del processo sulla presunta trattativa Stato-mafia prevista per martedì al Quirinale, quando il presidente della Repubblica dovrebbe deporre sul periodo del 1992-1993 caratterizzato dalla stagione stragista di Cosa nostra.

"Reputo Napolitano una persona perbene - dice Cianferoni, intervistato da Repubblica -. Resto convinto che dalla sua deposizione potranno emergere tanti materiali importanti per il processo". Parlando della posizione di Riina all'interno del processo, l'avvocato sottolinea: "Era in carcere da otto mesi quando il Sismi rilevava da una fonte confidenziale il progetto di attentato nei confronti di Napolitano. Riina non è stato soggetto, ma oggetto della trattativa, che l'ha portato in carcere. E oggi continua a essere il parafulmine della storia d'Italia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata