Spiragli di dialogo nel Pd. Emiliano: Renzi mi ha chiamato, spero in confronto utile
Giornata agitata dopo la diffusione del fuorionda di Delrio critico nei confronti dell'atteggiamento dell'ex premier

"Matteo Renzi mi ha chiamato e abbiamo parlato. Spero che il nostro confronto sia utile alle sue prossime decisioni". Lo scrive su Facebook Michele Emiliano, governatore della Puglia e candidato alla segreteria del Pd. Sono ore concitate di incontri e telefoni che squillano senza sosta, per scongiurare la scissione che da alcuni sembra essere già decisa. E' iniziato il countdown che porterà all'assemblea del partito, domenica a Roma, e si imbastiscono anche prove di riconciliazione. In una lunga intervista al Corriere della Sera, il segretario dem Matteo Renzi tenta il tutto per tutto, cambia registro e parla direttamente alla minoranza Dem: "Faccio un appello ai dirigenti: bloccate le macchine della divisione. Non andatevene, venite. Partecipate. Le porte sono aperte, nessuno caccia nessuno". 


La giornata era inziata con il fuorionda del ministro Delrio, critico nei confronti dell'atteggiameno tenuto da Renzi. Matteo" avrebbe dovuto far "capire che piangi se si divide il Pd. Non che non te ne frega, chi se ne frega" e poi "non ha neanche fatto una telefonata. Ma come cazzo fai in una situazione del genere a non fare neanche una telefonata?". Sono le parole del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, in un fuorionda pubblicato da Repubblica.it. Siamo nella sede nazionale del Partito democratico durante un forum sul trasporto pubblico della capitale. Delrio parla con il presidente della Commissione Trasporti della Camera, Michele Meta, che chiede se la minoranza del partito "farà o fanno sul serio?" sulla scissione. Delrio spiega che "una parte ha già deciso poi dentro ci sono anche i renziani"  che pensano che con la scissione "diminuiscano i posti da distribuire" ma "non capiscono un cazzo" perché la scissione "sarà come la rottura della diga in California, c'è una crepa, e l'acqua dopo non la governi più". Sul rapporto con il segretario Delrio confessa: "Guarda io, sia detto tra me e te, si è litigato di brutto perché non puoi trattare questa roba come un passaggio normale".

DELRIO PRECISA. Matteo Renzi "ha fatto più di una telefonata" e per evitare la scissione "ha concretamente dato segnali di amplissima disponibilità". Così Graziano Delrio, ministro dell'Infrastrutture, parlando con i giornalisti fuori da palazzo Chigi, sottolineando che la minoranza del partito non ha "più alibi. Il tempo è ora". Nell'intervista di Renzi di questa mattina al Corriere della Sera, aggiunge Delrio "la parola d'ordine è non andatevene venite. E' una disponibilità che va raccolta".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata