Sicilia, in testa Rosario Crocetta (Pd) col 31,1%: 'La mafia inizi a fare le valigie'

Palermo, 29 ott. (LaPresse) - Rosario Crocetta (Partito democratico) in testa col 31,1% dei consensi. E' il risultato parziale dello scrutinio in Sicilia, quando sono state completate le operazioni in oltre il 20% delle sezioni: 1082 sezioni su 5308. Secondo l'espondente della Destra, Nello Musumeci, sostenuto dal Pdl, da Alleanza di Centro, Cantiere popolare, che si ferma al 24,9%. Terzo Gianfranco Micciché (Grandesud, Mpa, Fli) col 18,4% e quarto Carlo Cancelleri (Movimento 5 stelle) col 15,2%.

"Se sarò eletto è bene che la mafia inizi a fare le valigie dalla Sicilia", ha commentanto Crocetta all'arrivo a Palermo al suo comitato elettorale. "Ho avuto - ha annunciato - una condanna a morte dalla mafia. non può esserci continuità tra me e Lombardo e Cuffaro".

Per quanto riguarda le alleanze Crocetta è stato chiaro: "Cercherò la maggioranza sui provvedimenti. Non farò inciuci. E' la mia storia che me lo vieta". Quello che appare il più probabile nuovo presidente della Sicilia si è voluto poi anche togliere un sassolino dalla scarpa: "Io sono un rivoluzionario. Non come Grillo, che blatera una rivoluzione che non sa fare".

"Il nostro è un grandissimo risultato e decreta la fine dei partiti", commenta per parte sua Cancelleri. "Se prendiamo la Sicilia come laboratorio - spiega - da oggi i partiti hanno un problema in più. E' indubbiamente un grande successo, è indubbio il fatto che viaggiamo su percentuali a due cifre. Il Movimento 5 stelle - aggiunge - era visto come un movimento che aveva attecchito al Nord ma non al Sud. Invece qui c'è la conferma anche anche al Sud ha preso piede un nuovo modo di ragionare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata